Canessa e C. s.n.c. impianti elettrotecnici

Canessa e C. s.n.c. di Canessa Fabio e Ricci Lucia

Sede legale: C.so G. Matteotti 66b/c, 16038 Santa Margherita Ligure (GE)

Codice fiscale e Partita IVA: 01039550999

REA: (GE) 7860

La nostra Azienda, nata a Santa Margherita Ligure nel 1963 come ditta Artigiana, con la denominazione "Canessa Renato impianti elettrici". Oggi dopo la prematura scomparsa del fondatore, l'azienda è guidata dalla moglie, Ricci Lucia e dal figlio, Canessa Fabio con la attuale ragione sociale. Nel corso degli anni abbiamo ampliato l'offerta impiantistica con specializzazione su impianti elettronici e tecnologici, con la progettazione, la consulenza e la realizzazione dei seguenti impianti: Elettrici civili ed industriali; Antifurto ed antintrusione; Videosorveglianza e TV circuito chiuso; Video citofonia e telefonia; Illuminazione di interni, giardini e stradale (anche Pubblica); Domotica ed Automazione edifici; Protezione dalle Scariche Atmosferiche; Automazione degli accessi; Pannelli Fotovoltaici; Rivelazione incendio e gas; Reti LAN - Aspirazione centralizzata.
NORMA CEI 64-8, è in vigore la nuova 7°edizione – Carmine Battipaglia, Presidente CNA Installazione Impianti: "Evitare i patti in deroga" CNA Installazione Impianti ribadisce l’impossibilità di derogare dal livello minimo di sicurezza previsto dalla norma.
Una rivista del settore elettrico ha recentemente pubblicato un articolo riguardante la derogabilità della Norma CEI 64/8. L’autore dell’articolo cita la possibilità di estendere l’eventualità di derogare alle Norme CEI, ad eccezione delle Norme riguardanti la sicurezza, basando la sua opinione sulla derogabilità della Legge 186/68 specificandone aspetti di puro diritto e ritenendo sotto alcuni versi la legge derogabile.
L’autore, inoltre, cita la possibilità di estendere l’eventualità di derogare alle Norme CEI ad eccezione delle Norme riguardanti la sicurezza basando la sua opinione sulla derogabilità della Legge 186/68 specificandone aspetti di puro diritto e ritenendo sotto alcuni versi la legge derogabile. Il DM 37/08 all’art 6, comma 1 recita:
“Le imprese realizzano gli impianti secondo la regola dell'arte, in conformità alla normativa vigente e sono responsabili della corretta esecuzione degli stessi. Gli impianti realizzati in conformità alla vigente normativa e alle norme dell'UNI, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell'Unione europea o che sono parti contraenti dell'accordo sullo spazio economico europeo, si considerano eseguiti secondo la regola dell'arte.”
Il contenuto dell’articolo di legge non lascia alcun dubbio sulla interpretazione. Il legislatore individua la regola tecnica contenuta nella Norma CEI , UNI o equivalente europea , presunzione certa della regola dell’ arte. D’altra parte il Comitato Elettrotecnico Italiano pubblica le Norme in ragione di una regola ben definita da rispettare. Nella logica, una regola è ragione di ordine. In mancanza di tale ordine, ognuno potrebbe agire secondo il proprio libero arbitrio. Nel merito, le Norme CEI indicano le prescrizioni minime mediante le quali progettisti ed installatori devono attenersi; il buon senso e la competenza ampliano la sfera di professionalità al servizio dei Committenti. “Riteniamo che in questo modo – ha affermato Carmine Battipaglia, Presidente Nazionale di CNA Installazione Impianti - si rischi di dare informazioni confuse e scarsamente cautelative sia per gli installatori sia per gli utenti finali”. Infatti, la legge (Legge 186/1968 e DM 37/2008) richiede (inderogabilmente) che gli impianti elettrici debbano essere realizzati e costruiti a regola d'arte. A tal fine, l’installatore ha a disposizione due alternative: applicare la vigente norma tecnica e, in tal caso, beneficiare della presunzione di conformità alla regola dell’arte; oppure, effettuare lui stesso un’analisi dei rischi dell’impianto, documentando puntualmente nella dichiarazione di conformità le soluzioni tecniche individuate ed applicate per azzerare tali rischi.
“La mera opinione relativa alla possibile applicazione parziale delle norme tecniche – ha sottolineato inoltre Battipaglia - scindendone gli aspetti prestazionali da quelli di sicurezza, sulla base peraltro di una valutazione del tutto soggettiva dell’installatore, non trova riscontro nelle norme tecniche per le quali sicurezza e prestazioni appaiono strettamente correlate e facenti parte di un unico corpo normativo. Va a tal fine ricordato – ha proseguito il Presidente degli installatori della CNA - che l’impianto deve essere realizzato a regola d’arte e che gli installatori per legge sono i soggetti responsabili della corretta esecuzione degli impianti, senza che sia possibile scaricare le loro responsabilità sui clienti sulla base di accordi o patti con i clienti medesimi, trattandosi di responsabilità poste a tutela dell’utente finale. E’ assolutamente necessario tutelare la categoria – ha proseguito Battipaglia - invitando i colleghi a mantenere le distanze dalle opinioni di editori, e di attenersi alle Norme CEI redigendo le dichiarazioni di conformità secondo gli allegati che il Ministero ha emanato all’epoca dell’entrata in vigore del DM37/08 attestando sotto la propria responsabilità di aver eseguito gli impianti a regola d’arte ed in ossequio alla Normativa tecnica vigente. Dichiarazioni in deroga alle Norme, sono volte ad attestare che gli impianti sono stati eseguiti senza rispettare la regola d’arte, pregiudicando la professionalità e la responsabilità di eventuali giudizi legali. In caso di contenzioso legale, non credo assolutamente che l’autore dell’articolo in questione possa venire in aiuto con le sue tesi”.


1) DOMOTICA RESIDENZIALE “Con questi numeri vi dimostro che la domotica non costa di più”. 2) LA MANUTENZIONE ELETTRICA. Spesso dimenticata ma importante per mantenere gli impianti sicuri e funzionali. 3) IL DECRETO SVILUPPO DEL GOVERNO. Bonus fiscale per le ristrutturazioni edili e gli impianti.
1) I vantaggi delle domotica non
stanno solo nella grande
funzionalità dei sistemi, nelle
comodità d’uso e nella
possibilità di realizzare scenari,
ma anche in un certo risparmio
economico, soprattutto
mettendo a confronto le voci di
costo dei componenti e le
relative funzioni.

La Guida che facilita la comprensione e la diffusione dei sistemi building automation e domotica.

Scopri come ottenere una maggiore efficienza energetica negli edifici, risparmiando sui costi di gestione, preservando le risorse energetiche esistenti e abbassando le emissioni di CO2.

2) La manutenzione elettrica.
Si può definire "un complesso d
i operazioni necessarie a mantenere nel tempo l'efficienza funzionale e le prestazioni nominali di una macchina o di un impianto nel rispetto delle norme di sicurezza".

La Legge 46/90, con l'obbligo di adeguamento degli impianti elettrici, ha indotto proprietari, amministratori e legali responsabili delle varie unità immobiliari ad affrontare il problema della sicurezza dell'impianto elettrico.
Si tratta però di un problema che non riguarda solo l'eventuale adeguamento,ma anche la necessità di mantenerlo efficiente e funzionale.
Gli interventi di adeguamento in genere comportano un aggiornamento delle planimetrie, schemi elettrici dei quadri, verifica dei calcoli, con il risultato di avere una esatta "fotografia" dell'esistente.
Mantenere efficiente un impianto comporta eseguire una serie di interventi manutentivi e di verifiche periodiche previste dalla Legge e dalle Norme CEI.

In generale per manutenzione si intende un "atto" che abbia, l'effetto del mantenere qualche cosa efficiente ed in buono stato.
La manutenzione nel settore industriale è ritenuta un'attività indispensabile a mantenere funzionali gli impianti, ed il cui costo viene monetizzato in termini di produzione altrimenti persa. La manutenzione elettrica si può definire un complesso di operazioni necessarie a mantenere nel tempo l'efficienza funzionale e le prestazioni nominali di una macchina o di un impianto nel rispetto delle norme di sicurezza.


3) Decreto Sviluppo.
Con il decreto sviluppo approvato dal Governo nel mese di giugno 2012, il bonus fiscale previsto in generale dalla legge per le ristrutturazioni edilizie, per il periodo dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, è stato portato dal 36% al 50% ed è stato raddoppiato da 48.000 a 96.000 euro l’ammontare complessivo delle spese detraibili per unità immobiliare .

Il bonus opera sotto forma di detrazione dall’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione delle abitazioni e delle parti comuni negli edifici residenziali .

La detrazione è ripartita in dieci quote annuali costanti e di pari importo nell'anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi. L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute nell’anno, secondo il criterio di cassa. Ciascun contribuente ha diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell’Irpef dovuta per l’anno in questione. Non è ammesso il rimborso di somme eccedenti l’imposta .


CASISTICA Si tratta di una novità di grande interesse anche per gli impianti elettrici. In base alle indicazioni dell’Agenzia delle Entrate sono infatti agevolabili:

 gli interventi generali di messa in regola degli impianti elettrici ai sensi del DM 37/2008 (ex legge 46/90), così come gli interventi di riparazione di impianti insicuri (esempio: riparazione di una presa malfunzionante);

 i seguenti interventi specifici:

singole unità abitative

- Allarme/sistemi antifurto (finestre esterne: installazione, sostituzione dell’impianto o riparazione con innovazioni; apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline; fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati)

DETRAZIONE 65% RIQUALIFICA ENERGETICA È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’atteso Decreto-Legge 63/2013 per le misure energetiche nell’edilizia. Tante le novità contenute nel provvedimento, dalla proroga delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica e la ristrutturazione degli edifici, all’introduzione di un bonus fiscale per l’acquisto di mobili, al recepimento della Direttiva ‘Edifici a energia quasi zero’. Detrazione 65% per la riqualificazione energetica La detrazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici sale dal 55% al 65% e varrà da oggi 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del DL 63/2013, e non dal 1° luglio 2013 come indicato nella bozza di DL) fino alla fine del 2013 per i privati, e fino a giugno 2014 per interventi sulle parti comuni dei condomìni o su tutte le unità immobiliari del condominio. Sono esclusi gli impianti di riscaldamento e gli scaldacqua a pompa di calore e gli impianti geotermici, già agevolati dal Conto Termico (leggi tutto). Restano confermate le altre tipologie di interventi, i beneficiari, i tetti massimi degli importi da portare in detrazione, la procedura di accesso al bonus e la ripartizione della detrazione in dieci rate annuali (tutti i dettagli del nuovo 65%). Il DL pubblicato in Gazzetta non contiene l’Allegato 1 relativo all’articolo 14, presente in una bozza circolata nei giorni scorsi, che fissava nuovi limiti di trasmittanza termica, costi unitari massimi al mq, obbligo di installazione di valvole termostatiche, e che aveva allarmato i costruttori di serramenti di Uncsaal (leggi tutto). Restano quindi in vigore i limiti di trasmittanza indicati nel DM 26 gennaio 2010. Estensione del bonus 65% agli interventi antisismici Stando al Decreto-legge, la detrazione fiscale del 65% non si applica agli interventi di consolidamento antisismico, come auspicato nelle scorse settimane; tali interventi restano nell’elenco di quelli agevolabili al 50%. Tuttavia, i presidenti delle Commissioni Ambiente di Camera e Senato si sono impegnati ad estendere la detrazione del 65% ai lavori di adeguamento antisismico, in sede di conversione in legge del DL.

2. gen, 2013
DOVE SIAMO E COME CONTATTARCI PER PREVENTIVI ASSOLUTAMENTE GRATUITI!!!!!
Ci troviamo a Santa Margherita Ligure, nota località turistica del Tigullio, nella provincia di Genova.
Ogni impianto eseguito da Canessa e C. s.n.c. è da considerarsi, secondo Norma, un’esecuzione a “regola d’arte” anche ai sensi della L. nr. 46 del 05/3/1990 e del D.M. nr. 37 del 22/01/2008.

La filosofia Aziendale è quello di realizzare lavori di qualità, curati nei minimi particolari, utilizzando manodopera specializzata e materiali di aziende leader nel mercato.
Impianti comunque dotati di buon rapporto finale Qualità/prezzo e Tutto Compreso!


Siamo a Santa Margherita Ligure (GE), in Corso G. Matteotti 66b/c, potete contattare ai seguenti recapiti:
telefono/fax 0185-286602
portatile 3290529557
e-mail: canessa.snc@gmail.com oppure fabio@canessa-impianti.it
PEC: canessaimpianti@cert.cna.it
1) VIDEOSORVEGLIANZA NEI LUOGHI DI LAVORO. 2) ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO DELLE STRUTTURE RECETTIVE.
1) Videosorveglianza nelle aziende.
Una recente sentenza della Cassazione fa luce su una spinosa questione che riguarda il rispetto della privacy dei lavoratori: è possibile attivare la videosorveglianza in azienda senza il consenso delle rappresentanze sindacali? La risposta è si, previa consultazione con gli stessi dipendenti e in assenza di obiezioni da parte dei diretti interessati. Per potere installare una o più telecamere in azienda, quindi, è sufficiente il consenso dei lavoratori e non occorre rivolgersi alle Rsu.
La sentenza della Corte di Cassazione, resa nota lo scorso 11 giungo, fa riferimento al caso di un'azienda di Pisa la cui titolare è stata accusata di violazione dello statuto dei lavoratori, andando contro l'articolo 4 che impone il divieto di controllare a distanza i dipendenti. Condannata in prima istanza dal Tribunale pisano, l'imprenditrice a capo della "Flow Energy" è stata invece assolta grazie alla nuova sentenza che ha giustificato il modus operandi dell'azienda e consente la videosorveglianza negli uffici senza dover attendere il parere di commissioni esterne, ma solo previa liberatoria firmata dai lavoratori.

2) È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 30 marzo scorso, ed è entrato in vigore a fine aprile, il Decreto 16 marzo 2012 del Ministero dell’Interno che prevede un Piano straordinario biennale per l’adeguamento alle norme antincendio delle strutture ricettive ai fini turistici con oltre 25 posti letto.
Dopo numerose proroghe questo DM impone la messa in regola di tutti gli alberghi e obbliga ad avere il certificato di prevenzione antincendio entro il 31 dicembre 2013.
1) QUINTO CONTO ENERGIA, RIDUZIONE DEGLI INCENTIVI. 2) ILLUMINAZIONE CON I LED: TANTI VANTAGGI.
1) I contenuti del nuovo conto energia per il settore fotovoltaico.
I Ministeri dell'ambiente e dello sviluppo economico hanno presentato i nuovi decreti di incentivazione delle rinnovabili. Al momento non sono ancora disponibili i testi dei provvedimenti.
Inoltre vengono stabilite le nuove regole per gli incentivi alle altre fonti rinnovabili (non fotovoltaico), che si applicheranno a partire dal 1 gennaio 2013: asta per gli impianti sopra i 5MW, remunerazione omnicomprensiva per gli impianti sotto i 5 MW, con tariffe ridotte rispetto alle attuali per il mini-eolico mentre crescono quelle di geotermico, mini-idro, per alcune tipologie di impianti a biogas e per i piccoli impianti a biomasse.
2) Illuminazione Pubblica con i Led (ma anche nelle nostre case)!!
Tanti vantaggi
Un piccolo comune lombardo di 2mila abitanti, in un anno ha azzerato le spese per la manutenzione dell'illuminazione pubblica e risparmiato l'83% di energia. Siamo a Colza, in provincia di Bergamo e questo risultato è stato possibile grazie all'introduzione della tecnologia Led su tutto il territorio. Oggi l'intera illuminazione pubblica è affidata ai Led. Il progetto è partito nel 2007.

I nostri principali clienti

Comune di Santa Margherita Ligure (GE)

Comune di Chiavari (GE)

Comune di Santo Stefano D'Aveto (GE)

Provincia di Genova

Croce Rossa Italiana (GE)

Società Progetto Santa Margherita (GE)

Consorzio Area Marina Protetta Portofino (GE)

O. T. A. M. , cantiere navale, Santa Margherita Ligure (GE)

Perla S. r. l. , produzione alimentari, Santa Margherita Ligure (GE)

Niccoli Giovanni, Impianti termoidraulici, Santa Margherita Ligure (GE)

Studio Medico Associato, Santa Margherita Ligure (GE)

Albergo Argentina, Santa Margherita Ligure (GE)

Hotel Mirò, Rapallo (GE)

Le Gardenie s.a.s, realizzazione giardini, Rapallo (GE)

Impresa Edile Na. Sa. S. r. l., Palermo

Impresa Edile Geom. Zannone, Genova

Impresa Edile La Felce, Genova

Impresa Edile Balsi Giovanni, Santa Margherita Ligure (GE)

Impresa Edile Edilrendine, Rapallo (GE)

Impresa Edile Bavestrello Costruzioni, Santa Margherita Ligure (GE)

Impresa Edile Cuneo Roberto, Chiavari (GE)

..... e tanti altri.

 

 

Principali marche utilizzate:

Distribuzione elettrica

Schneider Electric, Vimar, Dehn, OBO Bettermann, Pramac, Raytech, Eaton Moeller, Omron, Crouzet, Cembre, Soler & Palau, Palazzoli, Conchiglia, OEC, Euro 2000, Siemens, Polieco, Cabur, Sati Italia, Ilme, Marechal Electric, Lovato Electric, Finder, NEXT-TAPE. 

Domotica e automazione

Came, Comelit Group, Vimar, Schneider Electric, Crouzet, Siemens, NEXT-TAPE.

Impianti speciali

EsseTi, Urmet, RCF, Tutondo, Aertecnica, ITC, Samsung, FTE, Fracarro, Conergy, NEXT-TAPE.

Sistemi di sicurezza

Risco Group, Bentel, Comelit Group, Eurotek, STS.

Illuminotecnica

Ideallux, AEC, DTS, G.C.Illumination, Targetti Group, Zumtobel, Disano.

                                               

       

                                              

                               

 

 

 


 

 

 

 

 

 

                     

 

 

 

 

 

I nostri cantieri: edificio adibito ad abitazione di nuova costruzione.
Costruzione su due piani di circa 250 metri quadri, dove abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti elettrici, di antiintrusione con protezione perimetrale, di videosorveglianza, aspirazione centralizzata, videocitotelefonico, televisione terrestre e satellitare, piscina e illuminazione interni/esterni con apparecchi a LED.
I nostri cantieri: impianto di Pubblica Illuminazione.
Illuminazione Pubblica di un tratto di strada con 20 armature a ioduri metallici da 150W su pali da 8 metri.
I nostri cantieri: capannone artigianale.
Edificio di circa 800 metri quadri, dove abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti di distribuzione elettrica, di illuminazione, telefonico e antiintrusione.
I nostri cantieri: edificio adibito ad abitazione completamente ristrutturato.
Costruzione su due piani di circa 200 metri quadri, dove abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti elettrici, di antintrusione con protezione perimetrale, videocitofono,telefonico, televisione terrestre e satellitare, piscina e illuminazione interni/esterni anche con apparecchi a LED.
I nostri cantieri: edificio adibito ad abitazione completamente ristrutturato e giardino con piscina.
Costruzione su due piani di circa 230 metri quadri, dove abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti (con l'ausilio della Domotica) elettrici, di antintrusione, videocitofono,telefonico, televisione terrestre e satellitare, piscina e illuminazione interni/esterni.
I nostri cantieri: edificio storico adibito a ricevimenti e congressi.
Edificio su cinque piani di circa 630 metri quadri, dove abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti (con l'ausilio della Domotica) elettrici, di antintrusione, telefonico, illuminazione di interni/esterni.
I nostri cantieri: capannone ad uso industriale.
Edificio di 4 piani di circa 3500 metri quadri, dove abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti di distribuzione elettrica, di illuminazione anche antideflagrante, rivelazione incendi, telefonico e antiintrusione.
I nostri cantieri: edificio adibito ad abitazione completamente ristrutturato.
Palazzina di 800 metri quadri completamente ristrutturata, con la realizzazione di 10 alloggi.
Abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti di distribuzione elettrica, di illuminazione con l'utilizzo della domotica, televisione terrestre e satellitare e citofonico.
I nostri cantieri: edificio adibito ad abitazione completamente ristrutturato, dotato di zona palestra e piscina, con ampio giardino.
Costruzione su tre piani più piano interrato di circa 450 metri quadri, dove abbiamo realizzato la progettazione e la realizzazione degli impianti elettrici e di illuminazione, di antintrusione, anche con protezine perimetrale esterna, sistema di videoconrollo con telecamere a circuito chiuso esterne anche con visione da remoto, sistema di controllo e gestione della climazizzazione. Sistema di pannelli fotovoltaici integrati sul tetto, videocitofono integrato con il telefono, televisione terrestre e satellitare.
Impianto elettrico della zona palestra e della piscina, l'illuminazione degli esterni anche con apparecchiatura a LED.
Tali impianti sono gestiti con l'ausilio della Domotica.

VETRINA DELLE OFFERTE E DELLE OCCASIONI SPECIALI DA NON PERDERE!

21. ago, 2015
Impianto elettrico di un'alloggio di circa 70 metri quadrati, eseguito nel rispetto della Norma tecnica CEI 68-8 7°edizione, di livello 1.
Comprese le opere di assistenza edile per l'esecuzione sottotraccia dello stesso.
L'importo a corpo è di € 5.490,00 (IVA esclusa)!!!
Per ulteriori informazione contattateci!
29. mag, 2013
Impianto antifurto di un'alloggio di circa 60 metri quadri, eseguito nel rispetto della Norma tecnica CEI 79-3, con la seguente dotazione: 1 centrale di sistema con comunicatore telefonico, 1 tastiera, 3 rivelatori a infrarosso, 1 sirena da esterno e batterie di sistema.
Impianto realizzato con canalizzazione a parete.
L'importo a corpo è di € 1.580,00 (IVA esclusa)!!!
Per ulteriori informazione contattateci!
2. mag, 2013
Impianto videocontrollo eseguito nel rispetto della Norma tecnica CEI 79-3, con la seguente dotazione: 1 DVR analogico, 1 monitor LCD, 3 telecamere colori day/night . Impianto realizzato con canalizzazione a parete.
L'importo a corpo è di € 1.980,00 (IVA esclusa)!!!
Per ulteriori informazione contattateci!
29. mag, 2013
Impianto antifurto di un'alloggio di circa 60 metri quadri, eseguito nel rispetto della Norma tecnica CEI 79-3, con la seguente dotazione: 1 centrale di sistema con comunicatore telefonico, 1 tastiera, 3 rivelatori a infrarosso, 1 sirena da esterno e batterie di sistema.
Impianto con trasmissione via radio.
L'importo a corpo è di € 1.880,00 (IVA esclusa)!!!
Per ulteriori informazione contattateci!
29. mag, 2013
Impianto elettrico di un'alloggio di 70 metri quadrati, eseguito nel rispetto della Norma tecnica CEI 68-8 7°edizione, di livello 2.
Gestione Domotica dei comandi luci e tapparelle, riscaldamento con 2 zone distinte, programmazione di 3 scenari, predisposto per futuri ampliamenti che ci consentono di ottenere il livello 3 (antifurto, touch screen, controllo dei carichi, gestione remota).
L'importo a corpo è di € 4.490,00 (IVA esclusa)!!!
Per ulteriori informazione contattateci!
21. ago, 2015
Impianto elettrico di un'alloggio di circa 60 metri quadrati, eseguito nel rispetto delle norme tecniche ed eseguito a regola d'arte, con la posa del nastro conduttivo NEXT-TAPE secondo le prescrizioni del costruttore.
L'importo a corpo è di € 4.880,00 (IVA esclusa)!!!
Per ulteriori informazione contattateci!
L'importo a corpo è di € 4.490,00 (IVA esclusa)!!!